Corte di Cassazione, sentenza n. 10739