Google vs. Titolari di Marchi analisi di un conflitto

 Sommario:

1. Introduzione  – 2. Cos’è Google AdWords e come funziona – 3. Analisi dei “Termini e delle Condizioni per gli Annunci Pubblicitari” e disamina della Policy in materia di uso dei marchi. – 4. La decisione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea in materia di Google AdWords. – 5. Conseguenze pratiche in seguito alla pronuncia ECJ.

1. Introduzione
A seguito della pronuncia della Grande Sezione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea pubblicata nel marzo scorso e disponibile per la consultazione integrale nella sezione “Giurisprudenza” del sito internet www.businessjus.com, è diventata di grande attualità la tematica della protezione del marchio registrato su Internet.
Sempre più frequentemente, le imprese allocano una parte delle proprie risorse finanziarie per la protezione dei segni distintivi su internet, sia al fine di impedire a terzi di appropriarsi dei propri marchi registrati, ad esempio attraverso la registrazione di nomi a dominio identici o simili al marchio, sia cercando di prevenire lo sfruttamento della notorietà acquisita attraverso l’impiego di ingenti risorse non solamente economiche. A ben vedere, si tratta di due facce della medesima medaglia: la contraffazione di merce “griffata” come il domain name grabbing sono fenomeni che risultano essere particolarmente dannosi se associati a marchi di una certa rilevanza e notorietà, sia dal punto di vista del contraffattore o del pirata sia dal punto di vista del legittimo titolare del marchio.